Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

LE CONDIZIONI METEO DEL CAMPO DI REGATA DELLA VELA OLIMPICA A SAGAMI BAY

images/210721_JR_Tokyo20_033448740.jpg
News

Le note del meteorologo FIV Miguel Sanchez-Cuenca. Ma intanto è sicuro che la coda di un tifone interesserà le prime tre giornate di regate, forse di più

 

La sede delle Olimpiadi di vela è la città di Enoshima, a sud di Tokyo. Le regate olimpiche di vela si terranno nella parte orientale della baia di Sagami, che è grande quanto il Golfo di Cagliari. Questa baia si trova a circa 35° di latitudine nord (circa quella di Malta), aperta a sud, quindi in estate, come ci si aspetterebbe, predominano cieli limpidi e venti da sud. 

Il vento più comune è SSW, a causa di una cresta di alta pressione a sud del Giappone che crea un gradiente SW, piega leggermente da SSW e accelera nella baia grazie all'effetto termico. Di solito arriva moderato 8-14 nodi, ma occasionalmente sale a 15-20 nodi, in particolare sui percorsi di gara più esterni; in questo caso lo stato del mare è significativo; un'onda molto corta (choppy) di 0,5-1m. 

Se il gradiente è S o SE, l'intensità è un po' inferiore, sui 5-12 nodi, e può essere più oscilante di direzione. Nel caso di un gradiente molto debole, c'è una brezza pura nella baia, con una direzione simile al primo tipo di vento, ma con un'intensità molto più leggera. Sono anche possibili, anche se meno frequenti in estate, i venti da terra, soprattutto dal primo settore, tra N ed E, che raggiungono i campi di regata come venti oscillanti e rafficati.

Se c'è una perturbazione nella zona e il cielo è coperto, di solito impedisce al vento di gradiente di entrare nella baia, e si forma una brezza termica locale.

Le correnti nella Sagami Bay possono essere uno degli effetti cruciali sulla strategia di gara; oltre a influenzare direttamente il movimento delle barche, causano significativi spostamenti del vento e cambiamenti nella forza del vento portando in superficie acqua a temperature diverse.  

Infine, vale la pena menzionare i tifoni tipici della regione; statisticamente, un tifone attraverserà la regione durante la regata olimpica, e potrebbero anche essere due se il primo attraversa all'inizio della competizione. 

Miguel Sanchez-Cuenca, Meteo FIV