Si chiude a Siracusa il Programma 2021 di Formazione Nazionale dei tecnici Para Sailing

images/immagini/immagini_news/programma_formazione_tecnici_parasailing.png
Para Sailing
Si chiude nella splendida cornice di Siracusa il programma 2021 di Formazione Nazionale dei tecnici Para Sailing. Grazie all'impegno e la collaborazione dei Settore Formazione e Para Sailing della FIV, grazie alla logistica messa in campo dalla VII Zona, all'ospitalità della LNI di Siracusa e alla collaborazione della LNI di Palermo e dei circoli tutti di Siracusa, è stato possibile provvedere alla formazione di ben 23 tecnici Para Sailing da tutta italia, che andranno a sensibilizzare il territorio verso le tematiche e le potenzialità della vela inclusiva ed accessibile.
 
In chiusura del corso, con l'intervento del Consigliere Nazionale per il Para Sailing Fabio Colella, è stato presentato anche il programma di World Sailing per il rientro alle Olimpiadi di Los Angeles così come il ruolo di capofila che la Federazione Italiana Vela si appresta a ricoprire per la promozione del Para Sailing con il progetto dell'Hub Mediterraneo.
 
Questo il commento di Fabio Colella: «Il movimento parasailing sta vivendo un periodo di grande impulso grazie al lavoro capillare delle Zone e all’interesse sempre più crescente del comparto tecnico che necessita di preparazione sempre più specifica. Ringrazio nello specifico il Presidente della VII Zona Francesco Zappulla e il Presidente della LNI di Siracusa Marco Iannò per l’ospitalità e la disponibilità ad attivare fin da subito corsi di vela parasailing».
 
Questo il commento di Fabio Barbieri, tecnico Para Sailing: «È sorprendente l'interesse che si è risvegliato per il Para Sailing in questi anni. Il movimento sta crescendo moltissimo grazie al contributo di tanti tecnici e dirigenti che sul territorio nazionale svolgono un lavoro incredibile! E' un piacere contribuire alla crescita di questa realtà formando figure tecniche che possano aiutare ad ampliare la base di atleti che praticano il nostro splendido sport. Non si ripeterà mai a sufficienza che la vela è tra i pochissimi sport che permettono l'inclusività totale tra atleti diversamente abili e non!».