Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Concluso a Formia il secondo collegiale con il Team U19 di 420, 29er e ILCA6

images/immagini/immagini_news/raduno-formia-sensini.png
Giovani

Domenica 21 novembre si è concluso il secondo collegiale della stagione 2022 con il TEAM U19 delle classi 420, 29er e ILCA6, per un totale di 68 atleti tra le tre classi a Formia.

Alloggiati al Centro di Preparazione Olimpica di Formia, i ragazzi sono stati ospiti del Circolo Nautico Caposele come base. Il lavoro è stato focalizzato sulla preparazione atletica sempre più di primaria importanza nelle discipline veliche. La parte atletica è stata gestita dai preparatori atletici dell’Istituto di Scienza dello Sport del CONI, Francesca Ambruoso, Andrea Di Castro e Chiara Ragona. Sono stati effettuati test fisici, individuati insieme all’Istituto di Scienza, alla fine di un anno di lavoro con gli atleti di tutte le classi giovanili. Affrontato anche il Regolamento di Regata con il supporto dell'UDR Tito Morosetti che è intervenuto con due video lezioni. Le uscite in mare sono state brevi causa il meteo che ci ha regalato solo qualche breve sbuffo di 3-5 nodi di vento. Il raduno è stato coordinato dal DGN Sensini insieme ai tre Tecnici Federali: Caricato, Picciau e Loperfido. Esso ha coinvolto un totale di 68 atleti, di cui 33 convocati e 35 aggreggati. Presenti anche i tecnici di circolo: Spina, Forestieri, Marchetti, Rago, Tamburin e Sangiuliano.

Questo il commento di Alessandra Sensini: "Alla fine di questi due raduni sono molto soddisfatta del lavoro effettuato. La mancanza di vento non si è sentita grazie al grande lavoro sia in termini di quantità, ma soprattutto di qualità che abbiamo potuto effettuare. Alloggiare al CPO è stato sicuramente funzionante per portare a termine il programma di lavoro che ci eravamo prefissati e l’atmosfera che si respira, in un luogo impregno di storia sportiva, ha fatto il resto sugli atleti. Abbiamo avuto modo di vedere tra i due raduni 81 atleti e, oltre ai test fisici per misurare il loro stato di forma, è stato importante osservare l’atteggiamento e la motivazione. Posso affermare di aver visto delle belle cose! Ringrazio i Tecnici Federali, i docenti del Coni, l’Udr Morosetti per l’intenso lavoro svolto e gli allenatori di circolo per la collaborazione manifestata".