Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Rolex Middle Sea Race, Maserati in testa

images/bl65qi7e2z4iocbddddt.jpg
Vela Agonistica

Edizione in formato ridotto (metà iscritti rispetto al 2019), ma con i soliti alti contenuti tecnici e spettacolari: la grande classica offshore del Mediterraneo è partita regolarmente ed è in corso di svolgimento. Molte barche ed equipaggi italiani impegnati, a cominciare dal trimarano Maserati Mod70 di Giovanni Soldini, che è in testa e già al passaggio a Lampedusa

 

Con una flotta ridotta ma con la passione di sempre, è partita anche in quest'anno difficile la Rolex Middle Sea Race, giunta alla 41ma edizione, con 50 barche e sette partenze per ciascuna classe. Per il Royal Malta Yacht Club è già un risultato essere riusciti a fare la corsa d'altomare.

Dopo circa 48 ore il trimarano Mod70 Maserati di Giovanni Soldini è in fuga insieme al gemello Mana di Riccardo Pavoncelli, che lo segue a una manciata di miglia, entrambi hanno un grande vantaggio sul primo degli inseguitori, un altro trimarano, Ultim'Emotion2 di Antoine Rabaste. L'ultimo rilevamento lo posiziona dopo Lampedusa con una velocità di oltre 22 nodi, favorita dal fresco vento portante da Nord-Nord Ovest. Nel tratto finale verso Malta, il multiscafo italiano troverà vento al traverso e leggermente in calo, poi una fase finale con qualche raffica di prua che potrebbe costringere l'equipaggio a bordeggiare per tagliare la linea. Altri trimarani come Primonial e Shockwave sono ancora a sud della Sicilia, rallentati da un vento debole e contrario.

Come noto, la scelta di Soldini e del suo team è stata quella di partecipare alla Rolex Middle Sea Race senza scendere a Malta, per evitare ogni rischio legato alla pandemia di coronavirus. La barca è arrivata da Ragusa in tempo per partire e subito dopo l'arrivo non si fermerà ma proseguirà tornando in Italia.

I Love Poland e Wild Joe, testa a testa per la leadership in reale tra i monoscafi, alle 12:40 italiane di lunedi 19 sono al passaggio tra le Egadi, lasciando Favignana a sinistra e Marettimo a destra. Il grosso della flotta è ancora nei pressi delle Eolie e la costa nord della Sicilia.

IL TRACKER PER SEGUIRE LA REGATA 

VIDEO DELLA PARTENZA

LA PARTENZA - Alla partenza sabato 17 ottobre la flotta ha avuto un vento da Ovest forza 4 che ha garantito un saluto veloce all'isola, e il consueto spettacolo dai bastioni del Forte Sant'Angelo dal quale hanno sparato i colpi di cannone dello start.

Dopo due ore e mezza dallo start di Malta, alle 1200 CEST, in testa c'era il trimarano di Giovanni Soldini Maserati, avvistato nei pressi del fato di Capo Passero. La battaglia per tutta la regata sarà col gemello Mod 70 Mana, ma in generale la flotta dei multiscafi appare molto competitiva. Circa un'ora dopo il VO 70 I Love Poland dello skipper Grzegorz Baranowski, era nella stessa zona, primo tra i monoscafi, seguito a 20 minuti dal VO65 Sisi-Austrian Ocean Race Project dello skipper Gerwin Jansen, e dal RP60 Wild Joe dell'ungherese Marton Jozsa.

Nelle varie classi, i confronti più accesi in questa prima parte di regata sono: nella classe 2 tra Teasing Machine (FRA) e Freccia Rossa (RUS), in classe 3 tra il Farr 45 Favorit Plus (RUS) e il Ker 46 Tonnerre de Glen (FRA), più il Class 40 di Kito de Pavant Made in Midi (FRA). Nella classe 4 occhio all'Xp44 Xpresso e al First 45 Elisive 2, due yacht maltesi molto competitivi, che già si sono sorspassati un paio di volte in queste prime ore di gara.

Nella classe 4 è battaglia tra il Dufour 44R Ton Tin Laferla, l'Elan 410 Bait, il J122 Buran, il Luffe 4004 Prettynamaz. Dietro questi fuggitivi si comporta bene l'italiana Mia di Luigi Stoppani, alla sua prima Middle e anche alla sua prima regata offshore! "Un anno fa ho comprato la barca e ho pensato che avevo bisogno di conoscere meglio me stesso e la mia barca, così eccomi a fare questa regata. C'è tanto da imparare ma noi siamo pronti, barca, vele ed equipaggio."