Antonio Squizzato al timone del 2.4 mR (foto Fabio Taccola/AGnetwork/FIV) [1/3] Inaugurazione Casa Italia - Foto Rodolfo Bergamaschi [2/3] Inaugurazione Casa Italia - Foto Rodolfo Bergamaschi [3/3]

news del 08.09.2016

Ieri l'inaugurazione delle Paralimpiadi di Rio. Lunedì le prime regate

Tutto pronto a Rio de Janeiro per l’inizio delle gare sportive dell’edizione 2016 delle Paralimpiadi, super evento che è stato inaugurato ieri notte con una magnifica cerimonia d’apertura presso lo Stadio Maracana, e che da oggi, fino al 18 settembre, vedrà circa 4300 atleti con disabilità fisiche da 176 Paesi (101 gli italiani), impegnati in 23 discipline sportive. Tra queste anche la vela, presente con tre classi (Skud 18, 2.4 mR e Sonar) e con base operativa presso il Marina da Gloria, la stessa delle recenti regate olimpiche. L’Italia, con una delegazione guidata dal Consigliere Federale Rodolfo Bergamaschi, dal Vice Presidente della FIV Francesco Ettorre (atteso a Rio nel fine settimana) e dal Direttore Tecnico Beppe Devoti, sarà presente in tutte e tre le classi, con Antonio Squizzato (SC Garda Salò) nel Singolo 2.4 mR, Marco Gualandris e Marta Zanetti (Fiamme Gialle) nel Doppio Skud 18 e Gianluca Raggi, Gian Bachisio Pira e Fabrizio Solazzo (LNI Anzio, CN La Caletta, CC Roggero Lauria) nel Triplo Sonar. Si tratta di un gruppo di esperti velisti, a partire da Squizzato, alla terza partecipazione olimpica (Pechino 2008 e Londra 2012 con il Sonar) e ottavo all’ultimo Mondiale 2.4, e da Marco Gualandris e Marta Zanetti, quinti a Londra 2012 e vincitori di un argento e due bronzi iridati nello Skud, che visti i risultati dell’ultimo quadriennio non possono non fare un pensiero al podio. Esordio olimpico invece per Raggi, Pira e Solazzo. Le regate olimpiche a Rio inizieranno lunedì prossimo, 12 settembre, con due prove in programma per tutte e tre le classi, e proseguiranno fino a venerdì 16, sempre con due prove al giorno, mentre sabato 17 sono in programma le prove finali che porteranno a 11 il totale delle regate disputate nell’arco di sei giorni.