news
news del 22.07.2009
Versione stampabile Invia per email

Volano il Grecia il Trofeo Sandro Ricci e il Trofeo del 50nario Rotary Fermo

Vince meritatamente il fortissimo greco George D. Delikouras, uno tra i più forti timonieri d’Europa di imbarcazioni 2.mr.

Splendido week end di vela quello che si è svolto nelle acque antistanti il litorale fermano-sangiorgese che ha visto protagonista il binomio LIBERI NEL VENTO – LEGA NAVALE ITALIANA SEZ. PORTO SAN GIORGIO nella organizzazione della 4a edizione del Trofeo Sandro Ricci e del Trofeo 50nario del Rotary Fermo.

Una regata che da quest’anno è diventata internazionale, infatti oltre a tutti i più forti timonieri italiani hanno partecipato anche timonieri croati e greci.

Vince meritatamente il fortissimo greco George D. Delikouras, uno tra i più forti timonieri d’Europa di imbarcazioni 2.mr.

Va in Grecia quindi il Trofeo Sandro Ricci. L'atleta greco vince anche il Trofeo del 50 Rotary Fermo. Secondo il campione Italiano Olmi, terzo Carlo Annoni. Prima fra le donne l’atleta di casa, neo-campionessa italiana Mengascini Rossella, seconda Conti Sara, terza Elena Polo D'Ambrosio.

Il Direttivo del Rotary Fermo ha voluto partecipare all’organizzazione della manifestazione perché affascinato dalla straordinaria potenzialità che ha l’imbarcazione 2.4mr nell’integrazione sportiva fra persone disabili e non.
'Ringraziamo tutto coloro che hanno contribuito alla perfetta riuscita della manifestazione, il Porto Turistico Marina Spa per la vicinanza alle attività veliche della Liberi nel Vento e della Lega Navale Italiana. – dice Cinzia Cocciaro – Una regata che vuole anche promuovere le bellezze del nostro territorio, la bontà della nostra gente. E’ veramente bello che tutti i regatanti considerano e ci dicono che la regata di Porto San Giorgio è la 'Numero 1' in Italia in fatto di cortesia, ospitalità, accoglienza'.

In occasione della regata la base nautica della Liberi nel Vento si è ampliata con l’inserimento di un nuovo modulo abitativo adibito a bagno handicap e spogliatoio grazie ad un contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo.