news
news del 24.06.2016
Versione stampabile Invia per email

Tutto pronto per il debutto della Ri.Mini 6.50

In Adriatico arriva l’Oceano con la prima edizione della regata dedicata alla Classe Mini 6.50 organizzata dal Rimini Yacht Club Vela Viva. Oggi alle ore 12 lo start del Comitato darà il via alla prima edizione della Ri.Mini 6.50, regata d’altura dedicata alla Classe Mini 6.50, che con il percorso di circa 300 miglia seguirà la rotta Rimini- Bitvenika-Sansego- Rimini, prova valevole per il Campionato Nazionale Classe Mini 6.50. 11 le barche iscritte, suddivise tra Proto e Serie per questa regata nata da un’idea di Michele Zambelli e della Classe Mini Italia ed organizzata dal Rimini Yacht Club Vela Viva in collaborazione con il Marina di Rimini che, già da qualche anno, ospita il nuovo polo Adriatico dei Mini 6.50. “La sfida era riportare la flotta in questo mare”, dichiara Zambelli. “Negli Anni ’90 in Adriatico iniziavano la loro carriera nella classe dei Mini skipper del calibro di Simone Bianchetti, Bressan, Giacomozzi, i fratelli Pelizza e tanti altri. Con questa regata speriamo di dare nuovi stimoli ai giovani per avvicinarsi a questa tipologia di barca”.
Il parterre della Ri.Mini 6.50 è infatti ricco di nuovi volti, come i poco più che ventenni Luca Rosati e Alessio Bartoli, istruttori di derive, che a bordo di Una Vela per Emergency ITA 542 sono al loro debutto nella classe. Nella categoria Serie ritroviamo Enrico Bondi e Fabio Ronsivalle, che con il Pogo 2 Zebulon hanno già fatto parlare di loro alla Duecento e alla 130 e si troveranno a fronteggiare il Pogo 1 Antigua di Franco Degonutti in coppia con Daniele Balzanelli. Sempre nella categoria dei Serie, un altro possibile match race sarà tra i due Super Calin, Bufalo ITA 368 di Nicola Venturi e Alessandro Suardi, e Liska ITA 398 di Francesco Bertotti accompagnato da Roberto Posocco.
Nei Proto ritroviamo Stefano Paltrinieri di Adrenalina ITA 156, che ritorna in Adriatico dove ha mosso i primi passi da velista, e la nuova, giovane speranza Matteo Rusticali di Spot ITA 444, che dopo tanto cantiere ritorna in acqua in vista della preparazione alla Mini Transat e sarà in coppia con Pino Acquafredda, entrambi romagnoli che ben conoscono le ariette e l’imprevedibilità dell’Adriatico. Rusticali con la Ri.Mini 6.50 potrebbe guadagnare altri punti importanti per il Campionato Nazionale Classe Mini dopo il risultato alla 222.
Sempre nei proto la carrellata delle barche vintage darà vita ad uno spettacolo interessante come il ritorno alle origini di Michele Zambelli, che a bordo di ITA 342, con il quale ha affrontato la sua prima Mini Transat conquistando il decimo posto nel 2013, sarà co-skipper di Lorenzo Gervaso, nuovo armatore del proto progetto di Fiorenzi. Pierantonio Chiaricato, lo skipper di ITA 188 Aquilante, il bellissimo Mini Match, ha fatto un bellissimo lavoro di restyling per questo piccolo gioiello nato dal progetto del compianto Romanelli, che sarà un piacere rivedere in acqua con  il co-skipper Igli Salviato. Chiude la sfilata il proto Mavie ITA 631, ormai presenza costante a Rimini, che sarà condotto da Federico Camponogara.
Il percorso e le condizioni meteo tipiche dell’Adriatico saranno gli elementi principali che gli 11 Mini 6.50 dovranno tenere in considerazione per poter condurre la regata. Non sarà Oceano ma lo spettacolo è assicurato. Sarà possibile seguire la regata attraverso il tracking sul sito ufficiale.