news
news del 20.08.2013
Versione stampabile Invia per email

Nuove disposizioni sulle certificazioni sanitarie introdotte dal Decreto Balduzzi

Durante la seduta della Camera del 9 agosto 2013 il cosiddetto " Decreto Fare" 69/2013 ha subito alcune significative modifiche: sono state infatti aggiunte nuove disposizioni riguardanti le certificazioni sanitarie previste dal recente Decreto Balduzzi. In particolare, all'art. 42-bis, viene soppresso l'obbligo di certificazione per l'attività ludico motoria e amatoriale, e viene lasciata facoltà ai medici certificatori ( Medici e Pediatri di famiglia ) di stabilire se , in base ai dati anamnestici e alla situazione clinica del soggetto, è necessario o meno eseguire l'elettrocardiogramma.

Di seguito si riporta lo stralcio dell'art. 42 bis ( Ulteriore soppressione di certificazione sanitaria)

1 - A fine di salvaguardare la salute dei cittadini promuovendo al pratica sportiva, per non gravare cittadini e Serivzio Sanitario Nazionale di ulteriori e onerosi accertamenti e certificazioni, è soppresso l'obbligo di certificazione per l'attività ludico -motoria, giovanile e amatoriale prevista dall'art. 7 comma 11 del DL 13 settembre 2012 n. 158 convertito con modificazioni, dalla Legge 8 novembre 2012 n. 189 e dal Decreto del Ministero della Salute 24 aprile 2013 (Legge Balduzzi), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 169 del 20 luglio 2013.

2- Rimane l'obbligo l'obbligo di certificazione presso il medico o pediatra di base per l'attività sportiva non agonistica. Sono i medici o i pediatri di base attualmente a stabilire dopo anamnesi e visita se i pazienti necessitano di ulteriori accertamenti come l'elettrocardiogramma.

Sulla base di tali disposizioni, il certificato medico FIV per attività velico sportiva ( certificato non agonistico, di tipo A ) non dovrà necessariamente prevedere l'esecuzione dell'elettrocardiogramma, che potrà essere richiesto dal Medico certificatore, in modo del tutto analogo a quanto era previsto in passato per gli esami complementari, sulla base di dubbio diagnostico o sospetto clinico. Pertanto le ultime disposizioni di legge riportano la normativa dei certificati medici FIV a quanto vigente prima dell'entrata in vigore del Dectreto Balduzzi.