news
news del 25.09.2018
Versione stampabile Invia per email

La Federazione Italiana Vela al 58esimo Salone Nautico di Genova

Si è conclusa oggi la 58esima edizione del Salone Nautico di Genova, il sipario si chiude su un evento che ha raccolto grande successo di pubblico e soddisfazione degli espositori: sono oltre 170,000 le persone che sono passate dai 12 tornelli, una crescita del 13% rispetto all’anno scorso con un +3% dei visitatori stranieri che sono quest’anno ben 30,000. L'edizione verrà ricordata anche per le numerose visite di ministri e sottosegretari, ma soprattutto per quella del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
La FIV era presente con un grande stand istituzionale nella sezione Sailing World, dove ha incontrato le scuole del litorale ligure e dove è stato siglato l’accordo con Crosscall, ma anche un’area a mare per far provare ai visitatori derive e cabinati accompagnati dagli istruttori federali.
Al Teatro del Mare poi, area adibita alle presentazioni, la Federazione ha organizzato molteplici incontri concentrati nel weekend, momento di maggiore affluenza di pubblico.

PROGETTO WOW - SPIRITO DI STELLA
Venerdì 21 settembre ha aperto lo spazio di eventi della Federazione Italiana Vela il “Progetto WOW-Spirito di Stella”, che ha visto salire sul palco, al fianco del Vice Presidente della FIV Alessandro Mei, lo skipper diversamente abile Andrea Stella, impegnato da oltre un decennio in numerose iniziative volte a diffondere la vela tra le persone affette da disabilità, insieme al famoso velista Mauro Pelaschier.
“Ormai sono tanti anni che vengo al Salone Nautico, questa volta sono qui per presentare il libro “WOW, sfida sull’oceano”, che è la storia di un grande viaggio che abbiamo fatto l’anno scorso, da Miami a Venezia. L’obiettivo, che abbiamo felicemente portato a termine, era consegnare la Convenzione ONU che abbiamo ricevuto dal Segretario Generale Antonio Gutierrez, a Roma, a Papa Francesco, dopo aver attraversato l’oceano. Un viaggio in 21 tappe, in cui tanti ragazzi, disabili e non, militari e civili, si sono alternati a bordo, a dimostrazione che dove non ci sono barriere - come sul catamarano Spirito di Stella che ho costruito insieme all’Ingegner Enrico Contreas - le persone si possono muovere liberamente”.

151 MIGLIA
Presentata la decima edizione della “151 Miglia-Trofeo Cetilar”, la regata di vela d’altura che prenderà il via il 30 maggio 2019 sulla rotta Livorno/Marina di Pisa/Giraglia/Formiche di Grosseto/Punta Ala, a cui hanno partecipato i vertici dei tre club organizzatori (YC Punta Ala, YC Repubblica Marinara di Pisa e YC Livorno). “Un’edizione speciale, visto che è la decima, che ambisce a battere tutti i già rilevanti record di partecipazione e gradimento”, ha spiegato il Presidente dello YCPA Alessandro Masini. “L’anno scorso abbiamo avuto 198 barche sulla linea del via, quest’anno puntiamo a superare quota 200 e sono fiducioso sul fatto che ci riusciremo. La prossima sarà una 151 Miglia-Trofeo Cetilar magnifica e ricca di novità, da non perdere”.

ARMATORE DELL’ANNO UVAI
L’Unione Vela d’Altura Italiana, con il Presidente Fabrizio Gagliardi e il Responsabile Tecnico Riccardo Provini, affiancati dal Vice Presidente della FIV Alessandro Mei, ha premiato i migliori armatori della stagione appena conclusa, con il titolo overall dell’Armatore dell’Anno UVAI che è andato a Stefano Masi dello Swan 45 Ulika. “Una stagione davvero intensa e ricca di soddisfazioni per tutta la vela d’altura: chiaramente il nostro plauso principale per Masi e il suo equipaggio, protagonisti da anni nell’ambito delle regate e finalmente primi in questa classifica che per l’UVAI ovviamente è molto importante”, ha dichiarato Gagliardi.

TROFEO ARCIPELAGO TOSCANO
A seguire è stata la volta della premiazione del Trofeo Arcipelago Toscano 2018, il circuito di regate che comprende la Coppa Regina dei Paesi Bassi, Pasquavela Offshore, la Lunga Bolina e la 151 Miglia-Trofeo Cetilar, vinto da Alessandro Giannattasio, armatore di Super G, e della presentazione della Regata delle Torri Saracene, un evento tra sport, turismo ed eventi enogastronomici, in programma tra fine maggio e inizio giugno con partenza da Sorrento. 

ONE OCEAN FOUNDATION
Tutto esaurito al Teatro del Mare per Mauro Pelaschier che, con Giulio Magni ed Alessandro Mei vice presidente FIV, ha presentato il suo periplo dell’Italia a bordo della barca a vela vintage in legno, da Trieste a Genova per promuovere le attività di One Ocean e per far firmare a quanti più enti e persone possibili la Charta Smeralda, un codice di comportamento etico per la salvaguardia dei nostri mari “Da quando ho 6 anni sono in mare, una vita - dice l’ex timoniere di Azzurra - ho visto le cose cambiare in peggio e adesso i mari sono saturi di plastica, c’è bisogno di una svolta e nel mio viaggio ho apprezzato come le nuove generazioni siano pronte ad un drastico cambiamento delle abitudini. Con i bambini dei tanti circoli nautici in cui mi sono fermato abbiamo ripulito spiagge e marine dai rifiuti galleggianti, ma purtroppo i fondali sono colmi di plastica che non si vede e distrugge l’ecosistema.”

MARCO ROSSATO
Un altro periplo, di diverso genere ma con simile spirito, è quello di Marco Rossato, velista con abilità diverse che è partito dall’arsenale di Venezia per approdare a Genova nei giorni del Salone dopo essersi fermato in una sessantina di porti ed aver verificato la loro accessibilità “Questo viaggio mi ha dato grande fiducia e voglia di fare - ci racconta entusiasta lo skipper vicentino - è stato tutto di bolina che non è l’andatura migliore per un trimarano, ma in barca mi muovo bene e adesso mi sento pronto per affrontare l’Atlantico in solitaria, anzi credo partendo nel periodo dell’anno giusto sarà anche più facile.”

WORLD SAILING CUP SERIES A GENOVA
Domenica è stata la volta della presentazione della prima tappa italiana di World Cup Series, la Coppa del Mondo della Federazione Internazionale di Vela, uno degli eventi più importanti del panorama velico internazionale, che avrà luogo per due anni a Genova, proprio negli spazi del Salone Nautico. Sul palco con il presidente della FIV Francesco Ettorre anche il presidente dello Yacht Club Italiano Nicolò Reggio, il sindaco di Genova Marco Bucci e la campionessa locale Benedetta Di Salle, da poco rientrata da World Cup Series di Enoshima, in Giappone. La tappa avrà luogo dal 22 al 28 aprile 2019 e nello stesso periodo del 2020 “Siamo orgogliosi che World Sailing abbia scelto l’Italia - dichiara il presidente Francesco Ettorre - abbiamo lavorato tanto tutti insieme con le Istituzioni e lo Yacht Club per questo risultato e adesso lavoreremo affinché tutto sia perfetto a livello organizzativo e logistico, per poter sperare che venga confermata la nostra location anche per gli anni futuri”.

MINI 6.50, GLI ATLETI ITALIANI ALLA RISCOSSA
Grande spazio è stato dedicato alla classe italiana mini 6.50, che con i suoi atleti sta riscontrando grande successo internazionale, a partire dal presidente Ambrogio Beccaria che ha vinto ogni evento a cui ha partecipato lo scorso anno. Nello specifico all’evento del Salone, il consigliere FIV Donatello Mellina ha presentato al consigliere della classe italiana Mini 6.50 Francesco Renella, il progetto di formazione per 7 scelti ‘ministi’ che si terrà al Porto di Roma nella seconda settimana di novembre in cui verranno seguiti da coach in acqua e a terra, nutrizionisti ed anche esperti dei media così che possano avere le basi per intraprendere l’impegnativa carriera nei Mini 6,50.

OCEAN CAT, UNA NUOVA SFIDA IN OCEANO
In ultimo al Federazione Italiana Vela ha voluto trascorrere un’ora con i catamarani e gli appassionati di multiscafi italiani, presentando al pubblico - che ha molto apprezzato l’appuntamento e ha fatto molte domande ai protagonisti - le imprese dei giovani fratelli Galimberti, Francesco e Giacomo, partiti dalla Liguria alla volta del Veneto su un Hobie Cat 16. 54 giorni di puro campeggio nautico, e di Tullio Picciolini e Alessandro Guardigli che si stanno preparando per affrontare l’Atlantico su un catamarano di 5 metri per battere il record di Vittorio e Nico Malingri da Dakar a Guadalupa. Due avventure diverse, ma che hanno come comune denominatore la passione per la vela più pura e tutti i suoi elementi.