news
news del 16.09.2018
Versione stampabile Invia per email

CONCLUSO OGGI A GENOVA IL CAMPIONATO NAZIONALE HANSA 303 CON RECORD DI PARTECIPANTI

IL MARE PUO’ ESSERE ACCESSIBILE A TUTTI INDIPENDENTEMENTE DAI PROPRI LIMITI

Da giovedì 13 settembre a oggi - domenica 16 - il capoluogo ligure è stato teatro del Campionato Italiano Hansa 303 organizzato dalla Lega Navale Italiana - Sezione Genova Sestri su delega della Federazione Italiana Vela ed in collaborazione con la Classe Italia Hansa 303. 

Il Campionato Italiano è l’evento “clou” della Classe Hansa 303, classe riconosciuta da World Sailing che quest’anno ha visto il record di presenze e regioni rappresentate. Sono infatti oltre 30 gli equipaggi di altrettante imbarcazioni che sono arrivati da tutta Italia. Le regioni rappresentate sono state Liguria, Lombardia, Abruzzo, Lazio, Toscana, Sardegna, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Campania e Puglia.

La straordinaria partecipazione è dovuta all’intensa attività della Classe italiana presieduta dal velista disabile Marco Rossato, fortemente supportata dalla Lega Navale Italiana e dalla Federazione Italiana Vela.

Le tantissime regate organizzate in tutta Italia dai Circoli affiliati e i due Campionati Interzonali tenutisi a maggio a Palermo (Una Vela Senza Esclusi) e giugno a Desenzano del Garda hanno visto anch’essi una forte partecipazione che unite alla facilità di trasporto e conduzioni delle imbarcazioni hanno permesso di ampliare la partecipazione attiva degli atleti diversamente abili alle regate inserite nei diversi calendari zonali italiani.

Il Presidente Marco Rossato - impegnato con il suo fedele cagnolino Mattley nel giro d’Italia a vela in solitario a bordo di un Trimarano per rilevare e verificare l’accessibilità dei porti italiani - ha sin da subito apprezzato l’impegno organizzativo dello staff della LNI di Genova e del suo Presidente Prof. Antonio Bitti che ha fortemente voluto che la manifestazione programmata non fosse rinviata nonostante le problematiche di circolazione dovute al crollo del ponte Morandi, creando un vero e proprio village all’interno della sezione evitando così al massimo gli spostamenti dei numerosi atleti diversamente abili giunti a Genova per l’occasione.

Tutti gli atleti della classe, sono stati ben lieti di sopportare ogni piccolo eventuale contrattempo unendosi idealmente ai cittadini genovesi nel chiedere una veloce ricostruzione dell’importante arteria stradale. 

Le regate si sono tenute nello specchio acqueo prospiciente il Lungomare di Genova Pegli e sono iniziate nelle giornate di venerdì e sabato; per concludersi poi nella giornata odierna, seguite dalla premiazione finale.

La classifica finale del Campionato Italiano Hansa 303 vede al primo posto l’equipaggio formato dal duo Cocconi/Ghio (LNI Genova Sestri Ponente) che si aggiudica quindi la medaglia d’oro seguiti al secondo posto da Pardo e Luca Palmeri (LNI Monfalcone), argento e al terzo dalla coppia Aytano/Puppo (LNI Genova Sestri Ponente), bronzo.

Durante le giornate del Campionato i dirigenti dei circoli presenti e gli atleti hanno potuto assistere alla dimostrazione di un particolare servomeccanismo DragonFly (progetto Sailing for all – promosso da Spazio Vita Niguarda – SailAbility ed A.U.S. Niguarda di Milano e sostenuto da Fondazione Vodafone Italia e Huawei) che renderà le imbarcazioni Hansa 303 accessibili anche ai disabili con gravi disabilità motorie.

Il Campionato Italiano Hansa 303 è stato aperto ufficialmente venerdì 14 alle ore 10 dal Presidente Antonio Bitti con una cerimonia che ha visto l’alzabandiera a cura degli Scout d'Europa e della Guardia Costiera Ausiliaria ed il saluto delle numerose autorità civili e militari presenti tra le quali Vice Presidente Lega Navale Italiana Amm. Piero Fabrizi, Consigliere Nazionale FIV Fabio Colella, Presidente Gianni Andrea Belgrano I Zona FIV,  Presidente Classe AICH Marco Rossato, del Presidente AISM Liguria Vincenza Costa, del Comandante CP Domenico Napoli.

Il consigliere federale Fabio Colella presente a Genova ha commentato così l’esclusione della vela ai Paralympic Games di Parigi 2024:

“Certo vi è forte delusione per la scelta . Non posso negarlo, la FIV ha lavorato dall'inizio di questo quadriennio con l'obiettivo Paralimpico nella mente e i risultati dei nostri atleti a livello internazionale non sono mancati . Ho avuto la fortuna di seguire per la Federazione Italiana Vela tutte le iniziative che si svolgono nel nostro paese e constatare la gioia di andare per mare  e affrontare le sfide. Ovviamente aspettatevi novità da parte della FIV per questo mondo che sapremo rimodulare con l'aiuto del CIP  e del suo Presidente Pancalli."