news
news del 12.07.2019
Versione stampabile Invia per email

Caro Paolo...

Caro Paolo,
Caro amico, sono questi i momenti che vorresti non arrivassero mai, ma sono anche i momenti per capire quanto è stato grande il rapporto che ci ha legato e il rispetto che tu Paolo hai sempre avuto e ricevuto nella famiglia Federale.

Caro Paolo, mi hai visto crescere nel panorama della vela, da giudice prima e da dirigente poi, e da amico sempre. Hai tenuto a battesimo nel mondo della vela una intera generazione di atleti e dirigenti, hai sempre dispensato consigli pacati, con quel tuo sorriso e calma che infondevi a chiunque.

Oggi in questo giorno così triste, tutta la vela italiana ti rende omaggio, perché è questo che tu hai sempre meritato. Mai un comportamento fuori dalle righe, sempre calmo, e rispettato in ogni ambito della nostra e soprattutto della tua Federazione.

Si perché questo è il tuo mondo e lo rimarrà per sempre. In un momento così difficile per i tuoi cari, Paolo, io sono certo potrai dare loro tanta forza di andare avanti e tutto il mondo della vela italiana si stringe a te ed alle persone a te care.

In questo momento in cui sei andato via, mi hai lasciato tanta forza per onorare al meglio il tuo ricordo, con una Federazione rispettosa delle persone che l’hanno tanto amata, rispettata e per la quale si sono spesi per un’intera vita.

Sembra scontato che dica queste cose, ma non lo è affatto; il mio cuore in questo momento è veramente ferito per la perdita di un amico. Ti ho sempre considerato una persona di riferimento, e qualche settimana fa quando ci siamo sentiti telefonicamente e ti avevo proposto di venire io a Ravenna per la consegna di un premio, tu mi hai risposto con la serenità e la gioia di un bambino. Volevo fare la consegna con te, perché le cose belle devono essere condivise con chi le merita, e tu mi hai detto “ certamente si .. che bello .. mi fa molto piacere “.
Sapevi che era difficile, ma non me lo hai fatto capire; volevi onorare sempre tutto e sempre fino alla fine.

Mi manchi Paolo, mancherai a tutti noi.

Francesco Ettorre